TORNA AL MENU'


SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE


Gli sbocchi professionali

Le professioni dell’area delle Scienze psicologiche

- Il Dottore in Scienze psicologiche    

Il possesso della laurea in uno dei corsi della classe 34 consente l’ammissione all’esame di Stato per l’iscrizione all’Albo degli psicologi, sezione B, con la qualifica di Dottore in Scienze psicologiche (ex Psicologo junior). Queste figura professionale svolge la sua attività alle dipendenze di soggetti pubblici e privati e di organizzazioni attive nel terzo settore, oppure come libero professionista. È impegnato nelle attività di natura tecnico-operativa in campo psicologico, nei riguardi di persone, di gruppi e di organismi sociali.

Gli specifici atti di competenza del Dottore in Scienze psicologiche sono:

 

    • partecipare alla programmazione e alla verifica di interventi psicologici e psicosociali;

 

    • realizzare interventi psicoeducativi volti a promuovere l’inserimento e la partecipazione sociale del soggetto in difficoltà;

 

    • promuovere il recupero delle competenze funzionali delle persone disabili;

 

   • utilizzare strumenti psicologici per recuperare competenze funzionali di tipo cognitivo, pratico, emotivo e relazionale;

 

    • utilizzare strumenti psicologici per arrestare la regressione funzionale in caso di malattie croniche;

 

    • utilizzare strumenti psicologici per l’orientamento scolastico-professionale;

 

    • utilizzare le interviste, il colloquio, i test psicologici, l’osservazione e altri strumenti di analisi ai fini della valutazione dei processi cognitivi, di interazione sociale e dell’idoneità psicologica a specifici compiti e condizioni;

 

    • curare la raccolta e l’elaborazione statistica dei dati psicologici, nell’ambito di progetti di studio e di ricerca.

 

-  Lo Psicologo      

Per diventare psicologi, bisogna innanzitutto conseguire la laurea specialistica in Psicologia; poi, per svolgere la professione, è necessario il tirocinio, il superamento dell’esame di Stato e l’iscrizione all’Albo professionale degli psicologi, sezione A. Per svolgere l’attività di psicoterapeuta è necessario, dopo la laurea, frequentare una scuola di specializzazione che dura per lo meno quattro anni.

Lo psicologo cura la salute mentale in un contesto sociale. Generalmente le malattie psichiche sono dovute a un gap che si crea tra la persona e il suo gruppo di riferimento. Il malato soffre nello spirito e nel corpo in seguito a esperienze traumatiche che l’hanno ferito in qualche momento della sua vita, e non riesce più ad adattarsi a ciò che lo circonda. La sua alienazione, che precede l’essere malato, è legata al fatto di essere posto dagli altri in una posizione falsa, e di non riuscire a proporre per se stesso un ruolo diverso. Allora egli crea un linguaggio e dei comportamenti speciali (le conversazioni schizofreniche, per esempio): un simbolismo particolare, che si discosta da quello pubblico e accettato.

Le nevrosi diventano più frequenti nel momento in cui sono sanzionate dal contesto sociale con l’esclusione e l’isolamento. Tutto quello che si può fare all’interno di un ospedale deve essere messo in relazione con quello che succede all’esterno, con un gruppo che deve essere disposto, ma anche formato a questo compito: questo è il senso delle terapie di gruppo, per esempio quella familiare, che tenta di curare il malato coinvolgendo nello stesso tempo la sua comunità di riferimento. Quest’ultima, infatti, gioca un ruolo fondamentale nei processi di malattia e guarigione: dato che il male è un fatto culturalmente e socialmente determinato o “concausato” dall’ambiente in cui vive il paziente, soltanto la collettività può riuscire a guarire la persona malata, reintroducendola al proprio interno.

La solitudine e la depressione sono mali sociali oggi sempre più diffusi, che contribuiscono ad aggravare diagnosi fisiologiche, o le causano tout court. Lo psicologo è il professionista che individua e cerca di curare queste malattie, operando in vari ambiti: dall’ospedale alla scuola, dallo studio privato al luogo di lavoro, dal carcere alla comunità di recupero. Questa figura professionale sta diventando obbligatoria anche in altri settori, come la selezione e la formazione del personale presso società pubbliche e private, nel campo della creazione di campagne pubblicitarie, nel marketing, nel turismo e in tutte quelle attività in cui occorre gestire dei gruppi di persone.

 

TORNA AL MENU'





TEST D'INGRESSO ALLE UNIVERSITA'
Medicina e Chirurgia
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Prova simulata Medicina e Chirurgia
Prova simulata Odontoiatria e Protesi Dentaria
Odontoiatria e Protesi Dentaria
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Medicina Veterinaria
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Prova simulata del test di selezione
Scienze dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Prova simulata del test di selezione
Scienze della Comunicazione
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Prova simulata del test di selezione
Scienze dell'Educazione e della Formazione
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Prova simulata del test di selezione
Scienze e tecniche psicologiche
Gli sbocchi professionali
Il programma d'esame
Le sedi delle facoltà
Prova simulata del test di selezione